PROCESSO THYSSENKRUPP: LE ULTIME TRE UDIENZE

 

Continua, al ritmo di un a o due udienze settimanali, il

processo alla Thyssenkrupp.

Le ultime tre udienze, dalla 15esima alla 17esima, si sono

tenute rispettivamente: martedý 21 aprile, martedý 28

aprile e mercoledý 29 aprile; hanno visto l'alternarsi di

testimoni e periti del pm, che confermano in pieno

l'impianto accusatorio nei confronti dei sette imputati.

Particolarmente, e giustamente, bersagliato da queste

dichiarazioni Ŕ stato Cosimo Cafueri, responsabile

aziendale della sicurezza, il quale - dopo aver tenuto, nei

mesi precedenti l'eccidio del 6 dicembre 2007, un criminale

atteggiamento di assoluto menefreghismo nei confronti dei

compiti a lui affidati dalla carica che ricopriva - sin

dalla mattina successiva alla notte dell'incendio, in

previsione della visita degli organi investigativi, si Ŕ

attivato sin troppo tempestivamente per far ripulire lo

stabilimento dai cumuli di carta, e dall'olio in eccesso,

presenti in tutti i reparti dello stabilimento, ad

eccezione della linea cinque che era giÓ stata messa sotto

sequestro; inoltre, sempre con l'intento di nascondere le

prove delle nefandezze compiute da lui e dai padroni della

fabbrica in nome del profitto, lo stesso giorno ha chiamato

la ditta che si occupava di sostituire gli estintori

scarichi, quegli stessi che tutti i testimoni fin qui

ascoltati hanno detto non fossero pi¨ sostituiti - dal

settembre precedente - regolarmente, ma in maniera

saltuaria.

Questo dimostra non solo la inestinguibile sete di profitto

a tutti i costi da parte dei padroni, ma anche il criminale

comportamento di certi personaggi che, per guadagnare

qualche spicciolo in pi¨, si adeguano ai voleri dei padroni

anche se questi sono in contrasto con i doveri che la

posizione che occupano imporrebbe a loro.

 

Torino, 30 aprile 2009

 

 

Stefano Ghio - Torino