11 MARZO BANDIERE ROSSE AL VENTO SON MORTI DEI COMPAGNI NE NASCONO ALTRI 100

Angelo Del Santo, Alberto Graziani, Maria Antonietta Berna

militanti dei Collettivi Politici Veneti per il potere operaio, caduti combattendo per il comunismo il 11 aprile 1979 a Thiene (VI)

Lorenzo Bortoli, compagno di Maria Antonietta, ucciso dal carcere e dalla tortura psicologica, 19 giugno 1979 carcere di Vicenza

Giustamente è da 29 anni che aspetto un libro collettivo nella ripresa rivoluzionaria, un libro fatto di lotta e di unità.

Da quel 7 aprile in cui pur giovane, iniziai ad essere anch'io indagato dai carabinieri, e pensavo allora Toni Negri un compagno, a quell'11 aprile in cui morirono i compagni a Thiene, passarono 4 giorni, l'anno dopo quei compagni erano sempre nel mio cuore, mentre in poco tempo si faceva strada in me l'idea che la tattica processuale dei compagni del 7 aprile fosse sbagliata ed opportunista, così si verificarono in pochi anni una serie innumerevole di deviazionismo, divisioni, dissociazioni, tradimenti, "pentitismi", ecc.

Ma i compagni dell' 11 aprile erano sempre nel mio cuore.

Pochi giorni dopo la loro morte una campagna unitaria di quattro sigle del movimento combattente nel Veneto, che rispecchiavano le due componenti maggioritaria e minoritaria dell'Autonomia operaia, quella dei CPVpo cui appartenevo e quella dei CCpo, scaricarono in una sola nottata l'ultima folgore unitaria e metodica della Rivoluzione, sui corpi repressivi dello Stato.

Ognuno fece la sua parte, e chi volle vendicarsi furono i carabinieri, che probabilmente non sono estranei alle decisioni di collocazione carceraria successiva di Lorenzo, compagno di Maria Antonietta, collocazione che facilitò la sua azione suicidaria cui venne spinto certamente.

Nella lotta degli anni '80 che portammo avanti come componente rivoluzionaria dietro la rivista militante Guardare Avanti, anche nelle terre vicentine, questi compagni erano e sono sempre nel nostro cuore.

Come dimostra la fine riservata dallo stato a Dario Rigolon, subito dopo la sua scarcerazione da Novara, e quella che han cercato di far fare a me come a tanti altri compagni.

scheda del "progetto memoria" sui compagni caduti a Thiene, con alcune piccole correzioni (pdf)